Al Palaonda un match storico – Il Bolzano affronta il Plzen negli ottavi di Champions Hockey League

Foto: © HCB/Vanna Antonello

Il grande giorno è finalmente arrivato. Domani, martedì 6 novembre alle ore 19:45, l’HCB Alto Adige Alperia scenderà sul ghiaccio per la gara d’andata degli ottavi di finale di Champions Hockey League, contro i cechi dell’HC Skoda Plzen. Una partita storica: mai prima d’ora i Foxes avevano raggiunto questo livello nella competizione europea. Il Palaonda si preannuncia un catino infernale: la prevendita prosegue online e si terrà anche in ufficio domani dalle 11 alle 13. Le casse serali apriranno invece alle ore 17. Si ricorda che gli ABO Base devono ritirare un ticket valido per l’ingresso (gratuitamente in ufficio durante gli orari di prevendita oppure online tramite il pagamento di 1€+2€ di prevendita).

Coach Kai Suikkanen potrà contare con tutta probabilità sul roster al completo. Anche Mike Blunden, infatti, è pronto al rientro dopo aver saltato il match contro il Fehervar. Il canadese è il top scorer dei biancorossi in Champions Hockey League, con 5 goal e 1 assist.

La gara di ritorno si terrà il 20 novembre, alle ore 17 presso l’Home Monitoring Arena di Plzen. La società sta organizzando un fanbus per la trasferta e ci sono ancora pochi posti disponibili: info su https://www.hcb.net/it/fan-bus-champions-hockey-league-2021-11-2018-plzen-repubblica-ceca/.

“Sarà sicuramente una bella sfida, un match storico – così capitan Anton Bernard – abbiamo raggiunto questo ottavo di finale lottando con le unghie e con i denti e sorprendendo tutti: secondo me possiamo giocarcela”.

“Non vediamo l’ora di scendere sul ghiaccio – afferma Brett Findlay, assistman d’oro dei biancorossi – loro hanno chiuso il loro girone al primo posto da imbattuti, quindi sono sicuramente un’ottima squadra: noi però daremo il massimo e vogliamo ottenere un buon risultato davanti al nostro pubblico”.

Alla partita assisterà anche il CEO della Champions Hockey League, Martin Baumann.

Gli avversari
Il Plzen ha dominato il gruppo H della CHL, centrando sei vittorie su sei e raccogliendo così 17 punti su 18 a disposizione. Prestazioni maiuscole arrivate contro compagini di tutto rispetto come Lugano, che ha chiuso al secondo posto, e soprattutto i campioni in carica del JYP Jyväskylä, rimasti clamorosamente fuori dalla fase ad eliminazione diretta.

I cechi hanno il quarto miglior attacco della Champions Hockey League, con 25 goal segnati, e vantano anche il top scorer dell’intera manifestazione, David Stach, che in 6 partite ha messo a segno 3 goal e 8 assist. A difesa dei pali si sono alternati Dominik Frodl e Dmitri Milchakov: il primo in due partite si è attestato su una media parate del 91,11%, il secondo invece si è fermato al 90,20% in quattro partite.

Il powerplay del Plzen ha raggiunto il 19,51% d’efficacia, il penalty killing invece l’80,77%. Una squadra solida e temibile soprattutto tra le mura di casa, la Home Monitoring Arena, dove in CHL è arrivata una media di 3.737 spettatori. La squadra è guidata da ormai oltre 4 anni da Ladislav Cihak, che fin qui – ultima stagione compresa – si è sempre fermato al massimo alle semifinali del proprio campionato. L’ultimo successo, che corrisponde anche al primo di sempre, risale infatti alla stagione 2012/13. Quest’anno la squadra presieduta dalla leggenda Martin Straka si trova per il momento al nono posto dell’Extraliga ceca.

Il roster comprende per la gran parte giocatori della Repubblica Ceca (19), insieme a due slovacchi (Ceresnak e Preisinger), due statunitensi (i difensori Allen e Jones) e un bielorusso (il goalie Milchakov, che ha già giocato contro il Bolzano a Donetsk nel 2013, quando giocava tra le fila del Metallurg Zhlobin nella Super Final di Continental Cup). A dimostrazione di come la compagine ceca sia una fucina di talenti, basti pensare che durante la scorsa estate la coppia difensiva Moravcik-Sklenicka è finita nientemeno che a Montreal, mentre il goalie Miroslav Svoboda ha firmato a Nashville e il centro Tomas Mertl si è trasferito in KHL.

Tra Bolzano e Plzen c’è un solo precedente, datato 1969. In quell’anno prima ci fu un’amichevole a ranghi misti disputata a Merano, poi il torneo “Mille Miglia” in via Roma, a cui partecipò anche il Tesla Pardubice: i biancorossi persero entrambe le partite (8:11 e 3:8). Per una grande coincidenza, la visita del Plzen a Bolzano è stata importantissima per la storia della società biancorossa: tra le fila dei cechi militava infatti Jaroslav Pavlu, che l’anno successivo si trasferì proprio nel capoluogo altoatesino. Il resto, si sa, è storia.

 

Martedì 6 novembre 2018, ore 19:45 (Palaonda, Bolzano) – CHL Round of 16
HCB Alto Adige Alperia vs HC Skoda Plzen