Il Bolzano rivede la luce, espugnata la tana dei Red Bulls

Foto: GEPA pictures

L’HCB Alto Adige Alperia compie l’impresa e rialza la testa alla Volksgarten di Salisburgo. Una doppietta di Petan regala ai Foxes la prima vittoria “on the road” della stagione, Red Bulls piegati per 2 a 1. Succede tutto nel primo tempo, con i padroni di casa per primi in vantaggio, poi recuperati e superati da due reti in powerplay dei biancorossi. 3 punti fondamentali per la truppa di Curcio, che rivede la luce dopo aver raccolto solo 2 punti nelle ultime tre uscite.

La cronaca. Il match si apre sul filo del nervosismo, con Generous e Angelidis che dopo appena 24 secondi fanno volare le mani. Poco dopo finisce in panca puniti anche Glira e, con l’uomo in più, i padroni di casa centrano la rete del vantaggio grazie al tiro dallo slot di Bobby Raymond, sul quale Melichercik non può nulla. I Foxes sono comunque in partita e ci provano con Gartner, fermato da Gracnar dopo il bel servizio di Smith. Red Bulls ancora pericolosi con Latusa prima e Aleardi poi, ma l’estremo difensore biancorosso riesce a metterci una pezza. Dopo un tentativo di Marchetti, il Bolzano può giostrare per la prima volta in powerplay e in pochi secondi il pareggio è cosa fatta: Halmo mette il puck in mezzo per Petan, che centra la deviazione vincente. Match molto equilibrato e austriaci ancora vicini al goal, questa volta con Viveiros che conclude però troppo centralmente da buona posizione. I Foxes resistono con l’uomo in meno e nel finale di frazione, quando si ritrovano per la seconda volta in superiorità numerica, passano in vantaggio: disco d’oro di Halmo ancora per Petan, che prende la mira e batte Gracnar. Ospiti avanti per 2 a 1 alla prima sirena.

Dopo aver “ucciso” un powerplay austriaco, il Bolzano torna a macinare bel gioco anche nel secondo tempo. Con l’uomo in più però i Foxes rischiano tantissimo, con Herburger che in contropiede colpisce in pieno il palo. Red Bulls poco disciplinati e biancorossi spesso in powerplay: lo special team biancorosso funziona bene, ma questa volta non riesce a bucare la guardia di Gracnar. Melichercik rischia di combinare la frittata nella seconda parte del periodo centrale, perdendo un disco lontano dalla propria porta: la retroguardia biancorossa e lo stesso portiere slovacco, con un fallo quanto poi provvidenziale, ci mettono una pezza. Nel finale di frazione prima Herburger sporca una conclusone di Jakubitzka andando a un passo dal pareggio, poi Petan sfiora l’hat-trick personale con un tiro da distanza ravvicinata. Bolzano ancora avanti per 2 a 1 dopo 40 minuti.

I Foxes provano ad addormentare il match nel terzo tempo, pungendo in contropiede: Austin Smith ci prova per vie centrali, mentre Oleksuk si divora una grande occasione scegliendo il passaggio invece che il tiro davanti a Gracnar. Il finale di partita è sofferenza pura: Rauchenwald sfiora il pareggio sull’assist di Huber, poi negli ultimi due minuti Petan finisce in panca puniti e i Red Bulls mettono sotto assedio la porta biancorossa. Il Bolzano però questa volta stringe i denti, resiste e porta a casa tre punti fondamentali.

“Sono davvero felice – così coach Pat Curcio – abbiamo giocato bene per due tempi, nel terzo siamo riusciti a resistere: siamo una squadra giovane, con tanti nuovi giocatori e dobbiamo ancora lavorare molto. La strada però è quella giusta, Marcel (Melichercik ndr) stasera ha disputato una grande partita e se gioca così ci dà sicuramente una grande mano”.

I Foxes torneranno sul ghiaccio nel weekend con due partite casalinghe: venerdì sera alle 19:45 contro il Medvescak Zagabria, match inedito al Palaonda, mentre domenica arriverà il Villach, con il Family Day (ingaggio iniziale alle 16 e pattinaggio pubblico dopo il match).

(L.T.)

EC Red Bull Salisburgo – HCB Alto Adige Alperia 1 – 2 [1-2; 0-0; 0-0]

Reti: 04:29 Bobby Raymond PP1 (1-0); 12:22 Alex Petan PP1 (1-1); 18:09 Alex Petan PP1 (1-2)

Arbitri: Siegel, Smetana / Nemeth, Verworner
Spettatori: 3.098