Bolzano alla quarta di fila, Zagabria annichilito al Palaonda

Foto: © HCB/Andrea Giovanazzi

L’HCB Alto Adige Alperia continua a sperare e a lottare per il sesto posto. Al Palaonda, contro il Medvescak Zagabria che occupa al momento proprio la sesta piazza in classifica, i Foxes mettono sul ghiaccio una prestazione maiuscola, vincendo per 6 a 3. Cinque reti soltanto nel primo drittel, che i padroni di casa chiudono avanti per 3 a 2: poi nel periodo centrale un goal per parte, prima delle reti di Angelidis ed Egger che nel terzo drittel chiudono i conti per la gioia dei 3.500 del Palaonda. Bolzano in grande spolvero con gli special team: powerplay a segno tre volte su tre, penalty killing perfetto con quattro inferiorità superate indenni. Con questi tre punti i biancorossi scavalcano il Fehervar e si portano al nono posto con 51 punti, a meno uno dal Graz, a meno due dal Dornbirn e a meno quattro dallo Zagabria (che deve recuperare una partita col Vienna). Cinque le partite ancora da giocare nella regular season.

La cronaca. Coach Kai Suikkanen rinuncia agli infortunati Gander, Michele Marchetti e Clark, ai quali si aggiunge Austin Smithk, che dà forfait dopo il riscaldamento. L’avvio non è certo dei migliori per i Foxes, che dopo soli 76 secondi vanno sotto: Tikkanen tiene un disco difficile sulla blu, serve Balej la cui conclusione è soltanto sfiorata da Tuokkola, con il puck che si infila in rete. La reazione biancorossa è immediata e 33 secondi più tardi il pareggio è servito: grande giocata sulla sinistra di Halmo, puck al centro per Daniel Frank che deve soltanto spingere il disco in rete. L’1 a 1 dà nuova energia ai padroni di casa, che si rendono pericolosi in powerplay e, proprio al ritorno sul ghiaccio del quinto uomo, passano a condurre: Monardo va al tiro, il disco si perde nel traffico e il primo ad arrivare è Matias Sointu, che firma il 2 a 1. Reparti difensivi non impeccabili nella prima frazione e lo Zagabria torna così in partita pareggiando i conti con Michael Boivin, che si presenta davanti a Tuokkola e insacca. Le emozioni dei primi venti minuti non sono ancora finite e al 17:07 Chris DeSousa chiude alla perfezione la bella azione costruita da Sointu e Petan. 3 a 2 alla prima sirena.

Il Bolzano rientra sul ghiaccio per il secondo tempo con tutta l’intenzione di cercare ancora la via del goal: ci va vicino Frigo, fermato con un fallo davanti a Poivin, che poi neutralizza anche il successivo rigore tirato dal numero 93. Foxes che lavorano benissimo anche in penalty killing: sono quattro i minuti di superiorità numerica per i croati, che vengono fermati da un reattivo Tuokkola e vanno anzi vicini a incassare la quarta rete al termine di una bella azione firmata Oleksuk-Sointu. Il 4 a 2 arriva comunque quando sono proprio i padroni di casa a giostrare con l’uomo in più: azione magistrale di Halmo e Petan, la conclusione del canadese si ferma sulla linea e viene ribadita in rete da Angelo Miceli. Bolzano che sembra controllare senza problemi, ma a un minuto dalla sirena un’incursione di Mahbod premia l’inserimento di Morley per il goal che accorcia le distanze. 4 a 3 dopo 40 minuti.

Nel terzo drittel ci si aspetta la grande pressione dello Zagabria, ma i Foxes prendono subito in mano il comando delle operazioni, controllando le incursioni croate e allungando al 52:05: giocata eccezionale di Sointu, che invece di tirare scarica su DeSousa, assist illuminante per Angelidis che davanti alla porta fredda Poulin. Subito dopo Carlisle finisce in panca puniti, ma il penalty killing biancorosso funziona ancora alla perfezione. Più che efficiente anche il powerplay dei Foxes: con l’uomo in più infatti, al 55:18, Alexander Egger chiude definitivamente la partita con un tiro di rara precisione all’incrocio dei pali. Tuokkola poi abbassa la saracinesca con un paio di grandi parate e alla sirena finale il Palaonda può festeggiare il 6 a 3 e la quarta vittoria consecutiva.

Domenica, al Palaonda, alle ore 17:30 andrà in scena il big match contro i Vienna Capitals. Domani, sabato 13 gennaio, sarà aperta una prevendita presso le casse del Palaonda dalle ore 10 alle 12: i biglietti saranno acquistabili tutto il giorno anche presso la filiale di Sportler sotto i portici.

(L.T.)

HCB Alto Adige Alperia – Medvescak Zagabria 6 – 3 [3-2; 1-1; 2-0]

Reti: 01:16 Jozef Balej (0-1); 01:49 Daniel Frank (1-1); 05:52 Matias Sointu (2-1); 12:49 Michael Boivin (2-2); 17:07 Chris DeSousa (3-2); 32:56 Angelo Miceli PP1 (4-2); 38:58 Tyler Morley (4-3); 52:05 Mike Angelidis (5-3); 55:18 Alexander Egger PP1 (6-3)

Arbitri: Lemelin, Stolc / Nothegger, Sparer
Spettatori: 3.510