Il Bolzano chiude la regular season al quinto posto – A Villach arriva la seconda sconfitta di fila

Foto: ©PSR/Mitterberger

L’HCB Alto Adige Alperia non riesce a strappare il quarto posto al Salisburgo. I Foxes non approfittano dello scivolone dei Red Bulls in Ungheria e cadono in casa dell’EC Panaceo VSV per 6 a 4. Fatale un finale di secondo tempo disastroso, con gli austriaci in rete per ben tre volte dopo il provvisorio vantaggio biancorosso. Bernard e compagni chiudono così la regular season al quinto posto e partiranno nel Pick Round, il prossimo 12 febbraio, senza punti bonus. E’ il Fehervar invece l’ultima squadra ad approdare fra le Top Six e a staccare il biglietto per i playoffs. Il calendario della seconda fase verrà reso noto nei prossimi giorni.

La cronaca. Coach Kai Suikkanen rinuncia all’infortunato Stefano Marchetti, tenuto a riposo in via precauzionale dopo un risentimento muscolare, mentre recupera Andrew Crescenzi. Esordio in maglia biancorossa del giovane Ivan Tauferer, finora in forza ai Rittner Buam nella Alps Hockey League: il terzino classe ’95 trova molto spazio sul ghiaccio, chiudendo il match con un’ottima prestazione.

Il primo tempo regala subito grandi emozioni. Kromp si divora il goal del vantaggio dopo una manciata di minuti, poi i Foxes si devono difendere con l’uomo in meno e, a sorpresa, passano in vantaggio: Kuparinen lancia Marco Insam, che tutto solo davanti a Bakala non sbaglia. Austriaci distratti in superiorità numerica e Bernard colpisce in pieno la traversa al termine di un altro contropiede. Qualche secondo più tardi, però, ecco il pareggio: tiro dalla distanza di DeSantis, Smith concede il rebound e Sharp è il più lesto di tutti a ribadire in rete. Il VSV centra anche il primo vantaggio di serata al minuto 08:37, con una botta dalla blu di Maxa deviata dalla stecca di Pollastrone. I Foxes provano a rispondere con MacKenzie, che chiama Bakala alla parata d’istinto, poi nel finale vanno a segno in powerplay: disco d’oro di Findlay per Petan, che lascia partire un missile al volo imprendibile per l’estremo difensore di casa. 2 a 2 dopo 20 minuti.

Bolzano che parte meglio nel periodo centrale, sfiorando il vantaggio con Campbell e Blunden e centrandolo poi al 26:46: Findlay libera al tiro Markus Nordlund, che fulmina Bakala sul primo palo. Il Villach prova a rispondere con Kromp, ma la sua conclusione a botta sicura si stampa sul palo e poi sul corpo di Smith: l’episodio viene rivisto a lungo all’istant replay, prima della decisione arbitrale di non assegnare la marcatura. I Foxes si ritrovano poi in powerplay per quattro minuti, impostando bene la scatola, ma senza riuscire ad impegnare con continuità Bakala. Il Villach alza le barricate, viene graziato da un Bolzano poco cinico nonostante una lunga serie di occasioni e negli ultimi minuti sfrutta un blackout biancorosso: al 34:52 DeSantis viene dimenticato dalla retroguardia bolzanina e infila il pareggio sull’assist di Wolf, al 38:25 Down devia in rete il tiro di Schlacher e a cinque secondi dalla seconda sirena, con il Bolzano in superiorità numerica, Alderson sfrutta un brutto errore in uscita di zona dei Foxes e lancia MacGregor Sharp verso il goal del 5 a 3.

In avvio di terzo drittel i biancorossi devono resistere a quattro minuti di inferiorità numerica, ma si lanciano poi all’assalto della porta di Bakala. In powerplay Marco Insam accorcia le distanze, con un tiro dalla distanza che carambola davanti alla porta e poi finisce in rete. Ci provano Campbell e Nordlund con due missili dalla distanza, poi l’assalto finale con il sesto uomo di movimento porta il Bolzano a un passo dal pareggio, ma Bakala riesce a resistere e a tre secondi dalla sirena Jerry Pollastrone infila l’empty net goal che fissa il risultato sul definitivo 6 a 4.

 

EC Panaceo VSV – HCB Alto Adige Alperia 6 – 4 [2-2; 3-1; 1-1]

Reti: 05:25 Marco Insam SH1 (0-1); 06:12 MacGregor Sharp PP1 (1-1); 08:37 Jerry Pollastrone (2-1); 19:36 Alex Petan PP1 (2-2); 26:46 Markus Nordlund (2-3); 34:52 Jason DeSantis (3-3); 38:25 Blaine Down (4-3); 39:55 MacGregor Sharp SH1 (5-3); 51:31 Marco Insam PP1 (5-4); 59:57 Jerry Pollastrone EN (6-4)

Arbitri: Piragic, Siegel / Gatol, Hribar
Spettatori: 2.373